sito carrello solidarietà

08/04/20 Il carrello della solidarietà

L’emergenza Covid-19 sta colpendo la popolazione sotto diversi aspetti: molte famiglie, non potendo lavorare, sono in difficoltà nel reperire generi alimentari di prima necessità. La Croce Verde P.A. Lucca ha deciso così di reagire questo fenomeno lanciando “Il carrello della solidarietà”, campagna di raccolta di generi alimentari organizzata in collaborazione con Conad, Crai, Fresco Market e Ortofrutta Lucca Centro.

Il progetto prevede che in ciascun punto vendita aderente all’iniziativa gli avventori possano acquistare e lasciare beni di prima necessità da destinare a persone indigenti. La donazione sarà ritirata dai volontari della Croce Verde P.A. Lucca, che si occuperanno poi della realizzazione e quindi della consegna dei cesti alimentari.

Al momento, partecipano i seguenti punti vendita:

  • Conad di S. Filippo, in via di Tiglio 1075;
  • Conad di S. Anna, in via L. Einaudi;
  • Crai di S. Alessio, in via S. Alessio 106;
  • Fresco Market di Pian di Coreglia, in via Traversa 3;
  • Fresco Market di Pieve Fosciana, in via Nazionale 42;
  • Ortofrutta Lucca Centro, centro storico di Lucca, piazza S. Salvatore 5;
  • Ortofrutta Lucca Centro di S. Concordio, via G. Guidiccioni 67.

A questo, va aggiunto il “rilancio” di Ortofrutta Lucca Centro: i titolari aggiungeranno infatti a ciascuna donazione il 10% della stessa, facendosi dunque non soltanto promotori dell’iniziativa, ma anche donatori attivi.

Sei un commerciante, o conosci qualcuno che vorrebbe aderire all’iniziativa? Fatti avanti!

Contattaci al numero 0583 467713, manda una mail a cvlucca@croceverdelucca.it o scrivi ai nostri profili Instagram e Facebook. Ora più che mai, c’è bisogno dell’aiuto di tutti!

psicologo

07/04/20 Nessuno resta da solo

L’emergenza Covid-19 è in primis un’emergenza sanitaria, tutti d’accordo. Ma un altro aspetto della vicenda è sicuramente il lato psicologico: tutti noi, dai contagiati ai medici in prima linea, passando per le persone chiuse in casa e i volontari, siamo colpiti emotivamente da questo fenomeno.

Proprio per questo, fin da subito è stato attivato un servizio di ascolto psicologico telefonico, organizzato da Comune di Lucca e Protezione Civile. Al motto di “Nessuno resta da solo”, professionisti del settore hanno aderito all’iniziativa, partecipando volontariamente al progetto. La Croce Verde P.A. Lucca dà il suo contributo anche in questo campo, con operatrici esperte del settore.

“Soccorritori e soccorsi, siamo tutti umani”: questo tiene a precisare Federica Angioli, psicologa e insegnante di Mindfulness, con una formazione in Psicologia dell’emergenza, volontaria della Croce Verde PA di Lucca, referente dei servizi di sostegno psicologico per cittadini e volontari della zona lucchese ANPAS.

Una pratica ancora poco conosciuta, con una rete organizzativa in fase di costruzione, quella della psicologia dell’emergenza, di cui fanno parte operatori specializzati nell’ascolto sia dei cittadini che dei volontari che intervengono in occasione di eventi eccezionali. “Questo tipo di sostegno psicologico segue protocolli precisi per quanto riguarda, ad esempio, terremoti, alluvioni e disastri ambientali, per poter sostenere emotivamente sia le popolazioni colpite che i volontari che intervengono sul campo”.

Cosa offre effettivamente questo servizio?

“Strumenti di psico-educazione per poter affrontare al meglio una situazione di stress.” In pratica, indicazioni e metodi utili per uscire da una condizione di ansia o allontanare pensieri che potrebbero trasformarsi in veri e propri stati di panico. “Non si tratta di semplici consigli come quelli che possono dare amici e parenti: abbiamo corsi di alta formazione per i nostri operatori e le persone, a volte, non si rendono conto di quanto potrebbe tornare loro utile il nostro appoggio.”

Perché i volontari, che devono soccorrere, potrebbero aver bisogno di sostegno psicologico?

“Soprattutto per i soccorritori, che hanno a che fare ogni giorno con tragedie di varia portata, è importante essere messi in condizione di ascoltare, in qualsiasi momento ne abbiano bisogno, le parole di chi li può sostenere psicologicamente, per evitare di ‘portarsi a casa’ traumi emotivi insostenibili.”

Chiunque di noi, vedendo una persona anziana in condizioni critiche, non la assocerebbe a un genitore o a un nonno? A chi non si stringerebbe il cuore per la tristezza o l’impotenza? Assistere a un incidente stradale in cui restano coinvolti dei giovani che potrebbero essere nostri fratelli o figli non ci lascerebbe terribilmente scossi? Intere famiglie di terremotati che hanno perso tutto non provocherebbero in noi una sensazione di profondo sconforto?

Nessuno è immune ai traumi emotivi scatenati da eventi di questo tipo e “anche i nostri “supereroi”, i volontari, hanno le loro fragilità”. Alle volte, è utile e necessario ricordare a chi si sente addosso grandi responsabilità che non si può essere in grado di salvare tutti e che, soprattutto in momenti d’emergenza, bisogna prima di tutto salvare se stessi. Ora più che mai abbiamo davanti agli occhi la dimostrazione delle parole della psicologa: da quando ci siamo trovati a combattere una guerra all’ultimo sangue contro il nemico invisibile più terribile della storia degli ultimi decenni, il COVID-19, i “nostri eroi” che si trovano in prima linea devono tenerle ancora più a mente.

Come si applica la psicologia dell’emergenza durante questa “guerra”? Chi si rivolge maggiormente agli sportelli? Come stanno vivendo i “supereroi” in prima linea?

Sono state immediatamente formate squadre di psicologi dell’emergenza pronti a raccogliere le chiamate che arrivano ai numeri verdi dello sportello del COC di Lucca, per i cittadini del Comune, e del centralino istituito per i volontari che fanno capo ad ANPAS Toscana. 

A rivolgersi allo sportello di sostegno comunale sono per lo più persone anziane e fragili, spaventate dalla situazione, perché più esposte a rischi di contagio e quindi costrette all’isolamento, che chiamano per una parola di conforto e per sentirsi meno sole; genitori separati che non sanno come comportarsi per tutelare al meglio i propri figli e mamme stanche, che dopo quindici o venti giorni in isolamento, lavorando in modalità smart working, hanno bisogno di ‘cambiare aria’, sia pure con una telefonata.

“E poi ci sono i nostri volontari: hanno un cuore grandissimo,  spendono tutte le proprie energie per soccorrere chi ne ha bisogno e fanno anche più di quanto richiesto”.

Ma c’è una cosa a cui si deve prestare particolare attenzione: la paura. La paura è tanta durante questa situazione straordinaria, che nessuno si sarebbe mai immaginato di vivere, e anche i guerrieri più impavidi sono spaventati: “Normalmente sei solo un soccorritore; ma in questi giorni, combattendo contro un nemico invisibile, ti puoi trovare, da un momento all’altro, dall’altra parte della barricata e, peggio ancora, puoi diventare tu stesso un veicolo di infezione”.

Ma la paura può e deve essere sconfitta, così come il virus, aiutandoci gli uni con gli altri e, soprattutto, aiutando chi ci aiuta. Per questo esistono gli sportelli di sostegno psicologico, sempre a disposizione di chi ne ha bisogno.

Grazie a solidarietà, sostegno, dedizione e umanità, che da sempre contraddistinguono la Croce Verde P.A. di Lucca e tutti quelli che ne fanno parte, usciremo vincitori anche da questa guerra.

Per le chiamate al centralino del COC di Lucca: 0583-496283

Per i volontari di ANPAS Toscana: 055-78765265

Martina Di Riccio

#DISTANTIMAUNITI_sito

04/04/20 Cara CV, ti scrivo…

C’è qualcosa che ti frulla nella testa, che vorresti dire agli altri? Hai un pensiero, una dedica, un pensiero o anche dei consigli che vorresti condividere?

Con la Croce Verde P.A. Lucca puoi!

Da oggi parte #distantimauniti, per affrontare e superare questo difficile momento tutti insieme. Una nuova iniziativa aperta a tutta la cittadinanza, perché soltanto uniti, ne usciremo migliori! 

La procedura è semplicissima, basta:

  • cliccare qui;
  • riempire i campi che interessano;
  • inviare e..  fatto!
Una volta che avrai inviato ciò che vuoi condividere, noi lo pubblicheremo sui nostri canali. Potrai firmarti, usare un nickname, rimanere anonimo… L’importante è mettere in comune sensazioni, emozioni, pensieri, per rimanere meno soli, in questo periodo di isolamento.
Partecipa anche tu e fai girare il messaggio!
RIDUZIONE ORARI CENTRO PRELIEVI (1)

28/03/20 Centro prelievi: modifiche orari di apertura

La Croce Verde P.A. Lucca informa che, a partire da lunedì 30 marzo 2020, l’orario di apertura al pubblico del centro prelievi di Ponte San Pietro subirà delle variazioni.

Di seguito i giorni e gli orari utili per i servizi di prelievo e consegna referti.

  • PRELIEVI: dalle ore 7:00 alle ore 9:00;
  • CONSEGNA REFERTI:  dalle ore 10:00 alle ore 11:00;
  • GIORNI: lunedì, mercoledì, giovedì e sabato.

Si informano gli utenti che per accedere ai servizi è necessaria la preaccettazione.

 

dantedì

25/03/20 Dantedì 2020

Una celebrazione un po’ sfortunata, o forse no: il Dantedì 2020 capita proprio nel mezzo della pandemia di Sars-cov-2 e della permanenza obbligatoria nelle nostre case.

Dunque, perché non fare come suggerisce il Sommo Poeta?

Restate a casa e approfittatene per riscoprire le opere di Dante: non solo la Divina Commedia, ma anche Vita Nova, Convivio o De Vulgari Eloquentia. Vi torneranno in mente le lezioni a scuola, un po’ noiose, forse, ma rimaste impresse nella mente. E, come sempre accade, riuscirete ad apprezzare meglio il lavoro di un Genio della letteratura mondiale.

Se #leggoDante, io #restoacasa!